Musica e Società

Un elegante e raffinato omaggio al grande musicista veneziano Antonio Vivaldi è stato offerto venerdì 24 giugno scorso nella chiesa di Cusignana di Giavera del Montello dall’Accademia Musicale La certosa.

Un concerto eseguito dell’Orchestra dell’Accademia stessa, dal coro Schola Cantorum S. Andrea di Venegazzù, del soprano Dominika Zamara e del mezzo soprano Cristina Sartor, con la direzione del maestro Paolo Fumei.

Il concerto ha voluto essere il primo di una serie di incontri con la musica programmati in occasione dei festeggiamenti per il 25° anniversario dell’Accademia Musicale La Certosa, che si svolgeranno durante il biennio 2011/2012.

Il programma ha compreso il Laudate Pueri per soprano e orchestra, il Kyrie in sol minore per due cori e due orchestre e il celebre Gloria in re maggiore per soli, coro e orchestra: tre meravigliose composizioni del maestro veneziano Antonio Vivaldi, caratteristiche per la nobile melodia, la magistrale condotta della polifonia sostenuta dal fluido dinamismo delle parti strumentali.
L’arduo impegno della direzione è stato assunto dal direttore Paolo Fumei, oggi docente presso il Conservatorio di Musica “Jacopo Tomadini” di Udine e direttore artistico dell’Accademia.
L’impegnativa parte corale è stata affida alla Schola Cantorum S. Andrea di Venegazzù magistralmente preparata del Maestro Tarcisio Dal Zotto.

La prima parte del concerto, il Laudate Pueri, è stata eseguita con elegante raffinatezza da Dominika Zamara, soprano polacco di origine spagnola.
A seguire è stato presentato il Kyrie, interpretato dall’orchestra e il coro con accattivante e generosa espressività dei colori e della dinamica.
Infine, nell’esecuzione dell’ultima composizione in programma, il Gloria, tutto l’organico si è fuso in un opulento insieme, esprimendo l’elevata raffinatezza della composizione vivaldiana.

Straordinario è stato il successo di quest’omaggio ad Antonio Vivaldi e ai venticinque anni di attività dell’Accademia Musicale La Certosa. Il concerto sarà riproposto a Treviso nella chiesa di Santa Maria Maddalena venerdì 1 luglio alle ore 20,45.